Profesia a supporto delle PA italiane per l'interoperabilità

L'interoperabilità delle Pubbliche Amministrazioni mette in atto i seguenti principi (AgID):

  • Erogazione di servizi inclusivi e accessibili, interoperabili by design grazie all' esposizione di API;
  • Applicazione del concetto Once only: evitare di richiedere informazioni già fornite;
  • Utilizzo di Codice aperto: le PA devono prediligere l’utilizzo di software con codice aperto.

Le API sono l'interfaccia dei servizi informatici digitali, rappresentano la digitalizzazione della funzione pubblica e consentono di soddisfare le esigenze del cittadino moderno.

Il ruolo delle API nell'interoperabilità

Le API - Application Programming Interface - sono l'interfaccia dei servizi informatici digitali in grado di elaborare informazioni date in ingresso. Per le PA le API rappresentano dei canali digitali sicuri attraverso i quali Erogatore e Fruitore si scambiano dati: anagrafiche, documenti, pagamenti, informazioni catastali, calcolo Codice Fiscale, calcolo tributi, calcolo ISEE... Le API rappresentano la digitalizzazione della funzione pubblica e consentono di soddisfare le esigenze del cittadino attraverso applicazioni WEB o Mobile

L'interoperabilità delle Pubbliche Amministrazioni mette in atto i seguenti principi dettati da AgID:

  • Erogazione di servizi inclusivi e accessibili, interoperabili by design grazie all' esposizione di API;
  • Applicazione del concetto Once only: evitare di richiedere informazioni già fornite;
  • Utilizzo di Codice aperto: le PA devono prediligere l’utilizzo di software con codice aperto.

IL BANDO 1.3.1 DEL PNRR:

La Misura 1.3.1 “PDND-Piattaforma Digitale Nazionale Dati” è rivolta a tutti gli Enti pubblici che sono chiamate a rispettare le Linee Guida fornite da AgID in tema di interoperabilità delle PA. L’obiettivo della misura è creare un sistema che favorisca lo scambio di informazioni tra PA, agevolando la trasmissione di dati e l’interoperabilità dei sistemi informativi. 

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza riprende inoltre il principio once-only fortemente sostenuto dall’Unione Europea per un’operatività amministrativa molto più celere ed efficace. Secondo questo principio, ad esempio, l'Amministrazione chiederà i dati del cittadino solo quando necessario e solo una volta.

IL RUOLO DI PROFESIA

Da oltre 10 anni Profesia supporta gli Enti pubblici a mettere in atto l’interoperabilità e l'esposizione di dati e servizi (API).

Grazie alla soluzione weModI, tutte le PA possono:

  • Aderire e accedere alla PDND
  • Acquisire un APIM on premise, in cloud e/o ibrido
  • Scambiare dati e informazioni digitali tra gli enti in modalità sicura,
  • Esporre e consumare API in modo conforme anche alle vecchie porte di dominio (REST, SOAP, MoDI, PDND, eGov, PDD, aSync, …)
  • usare WSO2 API Manager per l'erogazione e fruizione di API

weModI_blue.png

 

 

weModI è l'estensione WSO2 che permette alle PA di essere compliant al modello di interoperabilità MoDI & PDND definito da AgID. weModI abilità l'interoperabilità tra PA implementando i pattern MoDI & PDND in modalità Inbound e Outbound.

 

 

 

FLUSSI DI INTEROPERABILITÀ

 

Tags